In Primo Piano

Canto del Mediterraneo

Canto del Mediterraneo
dalla voce al canto di tradizione orale

workshop intensivo
a cura di Anna Maria Civico

Un lavoro sulla vocalità e la ricerca di organicità nella musica di tradizione orale mediterranea | La voce come strumento di orientamento, tra fisicità del suono ed esperienza corporea.

Un approccio che utilizza tecniche contemporanee che provengono dal teatro e dalla danza. Camminare. Cantare camminando. La relazione corporea nella durata del tempo-ritmo. Esercizi che appartengono all’alfabeto contemporaneo delle pratiche vocali che diventano qui un modello originale. | Il corpo è un formidabile strumento musicale, racchiude in se un’infinità di suoni. Anche i canti di tradizione orale debitamente praticati sono un ambiente di suoni. Nel timbro e nella lingua vivono le voci dei nostri antenati e della nostra memoria. In questo approccio i canti di tradizione orale potranno facilitare la funzione della nostra voce naturale.

Gli esercizi puntano a ri-sensibilizzare l’udito su suoni atonali, sulle modulazioni a melisma. Qui in questo movimento di suoni si può osservare il punto di apertura e sviluppo della cellula melodico-ritmica di riferimento, la prassi dell’improvvisazione si scopre risorsa e fonte ispirativa per composizioni musicali in tempo reale.

Lo spazio acustico contribuisce a rielaborare la qualità della nostra voce nel continuo scambio e riadattamento tra ascolto e canto. Un circolo continuo tra orecchio e bocca

che ad ogni giro si nutre di variabili sfumature. Intensità, timbro, altezza, direzione della voce si conformano anche in relazione alle caratteristiche fisiche di uno spazio.
Lavoriamo su canti calabresi ed arbereshe di Calabria.

Quando: 18 e 19 luglio 2019
venerdì sabato e domenica

Dove: Associazione Armonie, via Emilia Levante 138, 40139 Bologna

Orari:
sabato 10:00 – 13:30 pausa di un’ora 14:30 – 18:30
domenica 10:30 – 13:30 pausa di un’ora 14:30 – 17:30

Costo per partecipante 120,00 euro

Numero minimo partecipanti 9 max 14

Adatto per artisti/e in formazione e per curiosi/e molto motivati/e.

Anna Maria Civico, attrice, cantante, musicoterapeuta, ricercatrice indipendente, autrice. Svolgo attività artistica, terapeutica e di docenza. Sono nata ad Aosta dove ho vissuto i primi due mesi di vita. Sono originaria di Catanzaro dove ho vissuto fino a 19 anni, vivo attualmente tra Marta VT, Terni e Sellia Marina CZ. Ho vissuto tra l’altro a Roma e Venezia. Per via della mia pratica sui canti arcaici del Mediterraneo, locati soprattutto in Calabria, oggi mi sento più mediterranea che mai.
Sono interessata alla bassa complessità. Intendo la precisione come la capacità di conferire alla voce e al movimento la qualità di seme e di germinazione. La forma ne sarà definita dalle possibilità fluide tra le infinite combinazioni e dalle opportunità. Mi muovo come richiede il nostro tempo tra spazi e relazioni, e tra creazione, cura e ricerca di condivisioni.
La mia formazione teatrale e di canto ha radici nelle relazioni con maestri quali: Jmanes Slowiak, Jairo Cuesta e Maud Robart (già assistenti di J. Grotowski). Mi nutrono i viaggi studio presso il Theatre du Radeau di Francois Tanguy a Le Mans e di studi delle pubblicazioni di Antonio Attisani e Lorenzo Mango docenti di Teatro. Contemporaneamente mi formo sulla pratica dei canti di tradizione orale, dai canti Shakers, ai canti Afrocaraibici, fino ai canti di tradizione orale italiani e calabresi in particolare; inoltre sulla pratica dell’improvvisazione musicale con musicisti amici. La mia ricerca sul campo dei canti è una ricerca indipendente artistica e umana che si appoggia anche sullo studio di testi di etnomusicologia e su archivi sonori.
Collaboro in Umbria come artista e come musicoterapeuta con varie associazioni culturali e sociali come Cantiere d’Arti, Terni Donne, Centro Arti Opificio Siri. Nel frattempo trovo una variazione al mio lavoro artistico e mi diplomo alla Scuola Quadriennale di Musicoterapia al Cep di Assisi, cosicché conduco attività professionale come musicoterapeuta e formatrice dal 2009 con Agenzie formative ARIS di Terni e CIPSS di Narni e con l’Associazione Alzheimer Orvieto. Sono attivista e cofondatrice della Casa delle Donne di Terni dove tra l’altro coordino e dirigo il Coro VocInsieme con Lisa Maroni dal 2014. Dirigo il laboratorio Voce specifica dal 1998.
Pubblico i volumi: Contributo alle Teorie della performance, Rubbettino, 2011; La violenza sulle donne. Riconoscerla, contrastarla e prevenirla AA. VV. a cura di Francesca Fanelli, Morlacchi Editore, 2012; Un sentimento di benessere collettivo. Il corpo-voce in musicoterapia. Prevenzione e promozione del benessere e della salute nell’esperienza delle donne, UVE Umbria Volontariato Edizioni, 2015. E’ in fase di pubblicazione il mio primo racconto: Armatura.
Alcune collaborazioni artistiche: Vismusicae Il Parco Sonoro dei Due Mari, direzione artistica di Paolo Scarnecchia a Taverna, Villaggio Mancuso, CZ ; festival Story Telling di Malta a La Valletta direzione artistica di George Mifsud-Chircop; Ange! Qui si je cries Tempo Cantabile compagnia di danza diretta da Ghislaine Avan, Parigi. Musica d’improvvisazione con Seijiro Murayama, Pascal Battus, Thierry Madiot, Etienne Caire, Frederick Nogray. Partecipo alla 27ma edizione di Stazione di Topolò UD. Ho partecipato al progetto The Archive of (un-)familiar Things al Terni Festival. Al progetto In Situ di Martin Chaput & Martial Chazallon Terni Festival.
Regista e attrice-cantante di Le straniere: https://www.youtube.com/watch?v=uy8Txoy_pWs
Fondo il rrosa trio con Elena D’Ascenzo e Ambra Battistelli.
Info: www.cantieredarti.it Info: FB Anna Maria Civico

ALTRI ARTICOLI